FALCONE “PRIORITÀ COMPLETAMENTO ANELLO FERROVIARIO SICILIA” PALERMO – SI PROCEDE ANCHE PER LA RAGUSA-VIZZINI E PER LA CALTAGIRONE-ENNA

Si concretizza sempre più la realizzazione della ferrovia Castelvetrano-Porto Empedocle, per la chiusura dell’anello ferroviario e per un collegamento rapido e moderno, finalmente, tra le province di Agrigento e Trapani.

Come ricorderete, “IN PROGRESS” ha lanciato per primo l’idea della nuova ferrovia a chiudere l’anello introno all’isola, con un tracciato che abbiamo presentato in un nostro tutorial video. Stessa cosa per la Ragusa-Vizzini, di cui abbiamo trattato in un recente articolo, con tutti i particolari tecnici

Oggi, lo ribadisce l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, replicando al deputato Ars, Michele Catanzaro:

“Che la realizzazione della linea Castelvetrano-Gela sia tra le priorità infrastrutturali del governo Musumeci è un fatto noto e ci fa piacere che, oggi, anche l’onorevole Catanzaro aderisca a questo indirizzo. Nei mesi scorsi, il presidente Nello Musumeci aveva richiesto esplicitamente al ministro Giovannini, durante un apposito incontro a Roma, la realizzazione di tre linee di straordinaria valenza strategica per lo sviluppo di territori fra i più penalizzati della Sicilia: la Castelvetrano-Porto Empedocle, la Ragusa-Vizzini e la Caltagirone-Enna. La richiesta era stata preceduta e illustrata in un dettagliato documento programmatico per il governo nazionale, il “Piano di sviluppo della rete ferroviaria in Sicilia“.

Finora, tuttavia, la spinta della Regione è stata accolta positivamente solo per quanto riguarda la Ragusa-Vizzini”.

“Proprio ieri, poi – aggiunge l’assessore – nel corso di un tavolo tecnico con i vertici nazionali di Rfi per la programmazione degli investimenti ferroviari, abbiamo ribadito l’indifferibile necessità di avviare la progettazione del completamento dell’anello ferroviario dell’Isola, per eliminare il divario fra le province e compiere finalmente un passo in avanti nei trasporti su ferro. Ribadiamo l’appello, interpretando la volontà delle province di Trapani, Agrigento e Caltanissetta, di imprese e cittadini, – conclude Falcone – all’indirizzo del governo di Roma”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui