L’AD DI RFI, VERA FIORANI, PER LA SICILIA PREVEDE TRENI A 200 KM/H ENTRO 5-6 ANNI, MA, PROBABILMENTE, E’ STATA INFORMATA MALE. VEDIAMO PERCHE’

Incredibili le “inesattezze” che l’AD di RFI, Fiorani, ha sciorinato ai giornalisti a margine dell’inaugurazione della nave “Iginia”. Abbiamo dovuto persino leggere che sulla Messina-Catania-Palermo (per mero errore scambiata in Messina-Palermo-Catania), si viaggerà “a 200 km/h” entro “5-6 anni”.
Peccato che la linea, nelle sue diverse tratte, abbia velocità di progetto di 160 km/h (tranne limitatissime tratte, come la Lercara diramazione-Fiumetorto, circa 25 km) e che a fine lavori molti tratti non saranno cmq percorribili a più di 120 km/h, con le tante stazioni disseminate sul tracciato in cui non potranno superarsi i 135…
Ma soprattutto, peccato che gli stessi cronoprogrammi ufficiali, diramati da RFI, diano come data di completamento dei lavori su tutta la tratta addirittura la fine del 2030… sempre che quei programmi vengano rispettati alla lettera.
Di sicuro, come rispetto siamo messi male. Soprattutto nei confronti della verità. Alleghiamo, per fare chiarezza, la mappa della Sicilia con le date di ultimazione dei lavori, come previste dai rispettivi cronoprogrammi, delle opere ferroviarie in corso in Sicilia.

145 Commenti

  1. la solita presa per i fondelli. sull’inutile allungamento della palermo-catania si è già detto. qualcuno deve chiedere a gran voce il raddoppio della palermo-messina. chi da palermo volesse raggiungere lo stretto e imbarcarsi risparmierebbe oltre un’ora rispetto alla palermo-catania-messina.