PRIMO MAGGIO SENZA FAVORITA A PALERMO

Dopo una serie di incertezze e di giravolte degne della migliore Carla Fracci, dal Comune sembra sia arrivata l’interpretazione autentica il senso dell’ultima, incomprensibile ordinanza sull’accesso alla Favorita: si alle macchine, no all'”arrustuta”.
E’ così si interrompe una tradizione pressochè millenaria, fatta di “carn’i crastu”, puntine, salsiccia, carciofi e vino a volontà per il primo maggio. Sembra che sia una questione di decoro. Sarà così, o magari non ci sono nè uomini nè volontà di effettuare quei controlli che servono a garantire i diritti a chi si comporta bene, la sanzione a chi si comporta male.
A Palermo no: sono tutti colpevoli. Anche solo di voler fare un tranquillo picnic, nel pieno rispetto delle regole, nel più grande parco cittadino. Anche questo, in fondo sarebbe decoro. Da rispettare.

2 Commenti

  1. hello there and thank you for your information – I have definitely picked up something new from right here. I did however expertise several technical points using this web site, since I experienced to reload the site a lot of times previous to I could get it to load properly. I had been wondering if your web host is OK? Not that I am complaining, but slow loading instances times will very frequently affect your placement in google and could damage your high quality score if ads and marketing with Adwords. Well I am adding this RSS to my e-mail and could look out for a lot more of your respective fascinating content. Make sure you update this again very soon..

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui