BOCCIATURA, IN CONSIGLIO COMUNALE, DELL’EMENDAMENTO OSO CHE STRALCIAVA LA FUTURA LINEA A DEL TRAM DAL PIANO TRIENNALE

In questo modo, torna “in corsa” la linea A, quella che dovrebbe collegare la Stazione centrale allo stadio comunale, attraversando in lungo l’intero centro cittadino. Una volta reinserita nel Piano Triennale Opere Pubbliche 2021-2023, approvato oggi, la linea rientra nelle previsioni del mastodontico progetto, che prevede 11 linee tranviarie per complessivi 120 km.

A far pendere la bilancia verso la tanto discussa linea tranviaria, i consiglieri di Fratelli di Italia e alcuni consiglieri di Italia Viva, Forza Italia e Lega che hanno abbandonato l’aula o si sono astenuti al momento del voto. Un comportamento diametralmente opposto a quello di pochi mesi fa, a fine 2021, quando invece la linea A era stata espunta dal Piano Triennale 2020-2022 grazie al loro voto favorevole.

Laconico il comunicato dei consiglieri che avevano proposto l’emendamento, sponsorizzato soprattutto dal gruppo “OSO” e firmato anche dal candidato sindaco Fabrizio Ferrandelli. Lo riportiamo integralmente: è stato emesso al termine della seduta d’aula consiliare di oggi.

LINK UTILI: le nostre valutazioni sul sistema tram linea per linea: LINEA A  – LINEA B –  LINEA C – LINEA D – LINEA E – LINEA F – LINEA G

VIDEO: WEBINAR SPECIALE “PROGRESS ON LINE”


Palermo, martoriata da cantieri infiniti e spesso inutili, ed emergenze irrisolte, ha primaria necessità di programmi e progetti seri, in grado di garantire fattibilità e sostenibilità, garanzie oggi totalmente assenti.
Il sistema Tram non ha alcuna garanzia progettuale, anzi.

Ed oggi sono proprio le irrisolte criticità e le certezze di non sostenibilità, ad averci portato, in assoluta coerenza e trasparenza con le battaglie sostenute e le competenze acquisite, a proporre ancora, tramite emendamento, lo stralcio della sola tratta A dal PTOOOPP 21-23, mantenendo le altre linee, utili invece al completamento e funzionamento dell’esistente.

Abbiamo constatato, con una enorme delusione politica, ma anche umana, che per motivi certamente lontani dall’interesse pubblico, si possono abbandonare battaglie e calpestare coerenza e consapevolezza: così i consiglieri di Fratelli di Italia e alcuni consiglieri di Italia Viva, Forza Italia e Lega che hanno abbandonato l’aula o si sono astenuti al momento del voto sull’emendamento, portandolo alla bocciatura.

Noi siamo orgogliosi del nostro percorso, fondato su ascolto e condivisione con la città e competenza, e della assoluta coerenza che lo contraddistingue che è la sola vera garanzia a cui questa città può votarsi

Fabrizio Ferrandelli
Giulia Argiroffi
Leonardo Canto
Ugo Forello
Cesare Mattaliano

LINEA G TRAM
Il Sistema Tram con la linea A

136 Commenti

  1. Abbiamo più volte analizzato i difetti di questo progetto, non ultimo l’abolizione della catenaria. Tuttavia una rete tram è necessaria, e le riqualificazioni che si porta dietro non possono che far bene alla città (mia umile opinione). Del tram non frega niente a nessun politico. Dietro alla bocciatura dell’emendamento non ci sono valutazioni tecniche, ma solo assetti politici preelettorali. I due blocchi partitocratici fanno la conta, l’obbiettivo è sbarazzarsi di ferrandelli per arrivare al ballottaggio. Ecco spiegato il voltafaccia. Nessun candidato si esprime sul tram, è una cosa su cui si possono perdere un sacco di voti.