SI LAVORA ANCHE ALLA STAZIONE “PAPIRETO”, PER LA QUALE PRESTO ANDRA’ IN GARA L’APPALTO PER LE ULTIME OPERE

Vi mostriamo, grazie alle foto fatteci pervenire dal nostro amico Mirko, come si presenta oggi la stazione Papireto, situata nella tratta Orleans-Lolli del passante ferroviario di Palermo. Vi si potrà accedere da via Imera, nei pressi dell’incrocio con via Pollaci.

Ovviamente, si tratta di un cantiere aperto perchè, come sapete, l’opera è stata fermata a seguito dell’imprevisto geotecnico che ha bloccato i lavori nella galleria dispari, all’altezza di vicolo Bernava. Qui  si lavora per la costruzione dell’ultimo tratto incompleto,  come vi abbiamo mostrato pochi giorni fa. Contemporaneamente si procede ad alcune opere propedeutiche alla ultimazione della stazione Papireto, soprattutto per quanto concerne il movimento terra.

Come vi abbiamo anticipato, in questo articolo, è stata da poco indetta una gara dal valore di oltre 17 milioni di euro  per realizzare gli impianti tecnologici del nuovo tratto di linea da Orleans a Lolli, nonché il completamento delle opere civili e degli impianti della fermata Palermo Lolli (già attiva, dal 2016, sul singolo binario) e, appunto, la nuova fermata Papireto.

Nelle foto, potete osservare, all’interno del cantiere, gli elementi necessari alla ventilazione della galleria dispari durante l’esecuzione delle ultime opere. Qui, infatti, dovrà essere realizzato un ultimo tratto di appena sedici metri in “scavo naturale” in adiacenza al tratto che verrà realizzato “a cielo aperto” per circa 46 metri sotto vicolo Bernava.

Per intendersi, una galleria naturale viene scavata in profondità, operando su un fronte di scavo con idonei strumenti. La galleria scavata a cielo aperto, invece, è tecnicamente una “galleria artificiale” che viene ricavata da una trincea nel fondo della quale viene realizzato il manufatto di rivestimento, poi nuovamente seppellito.

Si notano, nella seconda foto, a sinistra, le “centine” ovvero gli elementi di acciaio che servono a sostenere la volta della galleria prima che si proceda al rivestimento definitivo il calcestruzzo. Strumenti che si adoperano, appunto, nello scavo “naturale”, che avverrà nella direzione Papireto-Lolli, interessando il fronte di scavo momentaneamente chiuso con un “tampone” in calcestruzzo dopo l’allagamento della galleria avvenuto nel 2012.

Nell’ultima immagine, vediamo il terreno proveniente dallo scavo in corso all’altezza di vicolo Bernava, per un totale di 12400 mc di terreni da stoccare, in parte utilizzati per il livellamento del futuro piazzale della stazione.

 

papireto

papiretopapireto

passante lavorigalleria bernava