FOTO ESCLUSIVE: PALERMO, VICOLO BERNAVA, LAVORI CONCLUSI

Dopo la demolizione delle 5 palazzine di vicolo Bernava da parte dell'impresa Impresit sotto la direzione Italferr, nella persona dell'ing. Fiorenzo Laquidara, il cantiere è già in via di smantellamento.

Lo mostrano queste due fotografie inedite: l'area occupata prima dagli edifici, demoliti nei tre mesi intercorsi tra il 29 luglio ed il 28 ottobre scorso, si presenta libera da macerie. Ricordiamo che l'appalto è stato aggiudicato da RFI con procedura negoziata, interamente gestita con sistemi telematici, dopo che era andata deserta la prima procedura di affidamento. L'importo a base d'asta era di € 930.195,36 di cui ben € 326.996,01 per oneri inerenti la sicurezza nella esecuzione dei lavori. L'opera dovrebbe essere completata in sei mesi, per cui si può dire che i tempi di esecuzione dei lavori sono stati pressoché dimezzati. Ad area sgombera da costruzioni, sarà possibile passare alla fase successiva, che prevede il completamento della galleria dispari del passante ferroviario, che per 58 m. è rimasta incompiuta a causa di un imprevisto geologico proprio al di sotto delle palazzine demolite.


Nel corso dei lavori, gli edifici adiacenti a quelli abbattuti, sono stati messi in sicurezza dal punto di vista strutturale. Sono visibili, infatti, nelle foto, elementi strutturali di rinforzo all'altezza di ogni piano. Si tratta in particolare di profilati "di ripartizione" in acciaio, a cui sono ancorate delle "catene": si tratta di barre in acciaio inserite all'interno dei solai per tutta la loro lunghezza.


In tal modo la struttura acquisisce capacità di resistenza agli sforzi che spingono i muri perimetrali verso l'esterno. In questo modo, si rimedia all'assenza degli edifici demoliti che costituivano un "appoggio" laterale per le pareti ora allo scoperto. Curiosa la colorazione esterna: un mosaico di quelle che furono pareti di stanze, oggi facciate. Sono stati mantenuti, in piccola parte, i muri portanti degli edifici abbattuti, limitatamente al piano terra ed al primo piano, per fare da "contrafforte" alla struttura muraria degli edifici adiacenti.












743 visualizzazioni
  • Google+ Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Palermo in Progress
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now