MANIFESTAZIONE PRO METRO CIRCUMETNEA A RANDAZZO - IL NOSTRO FILMATO

Aggiornato il: 1 ott 2019

Siamo stati invitati ed abbiamo aderito con piacere ad una importante manifestazione promossa dal Comitato pro metro Circumetnea, tenutasi il 28 settembre scorso a Randazzo.


Presenti l'assessore Falcone ed il viceministro Cancelleri, l'ing. Fiore dalla Fce, oltre al sindaco di Randazzo e molti altri rappresentanti del comprensorio etneo, moderatore il prof. Benedetto Torrisi dell'Università di Catania, si è discusso del presente e del futuro della Circumetnea come vero collegamento metropolitano per tutta l'area etnea. Un apposito studio sulla utenza di questo sistema ha fornito ulteriori motivi di riflessione sulle enormi potenzialità di questa infrastruttura.


In sintesi, il prof. Torrisi, presentando lo studio insieme all'autrice, dott.ssa Di Pasquale, ha spiegato come, attraverso una serie di questionari, si è accertata la presenza sul territorio di una domanda proveniente non solo dai centri toccati dalla ferrovia Circumetnea, ma anche da altri paesi dell'interno, purchè siano collegati alla stazione più vicina con dei servizi di bus. Un risultato che conferma ancora una volta come l'implementazione della intermodalità sia la carta vincente per il trasporto pubblico locale, come Sicilia in Progress ha sempre sostenuto. Gli investimenti nelle infrastrutture possono quindi essere giustificati da un ritorno certo in termini economici e di sostenibilità, dal momento che si consentirebbe, ad esempio, di raggiungere il centro di Catania senza intasarne il traffico con gli inquinanti autoveicoli privati.


L'Assessore regionale alla Mobilità, Marco Falcone, ha da parte sua rappresentato la disponibilità della Regione a prendere in carico il servizio sulla Circumetnea, attualmente gestito da FCE, azienda controllata dal Ministero delle Infrastrutture. In tal modo, secondo Falcone, si potrebbe integrare il servizio in un ambito regionale più ampio, che ne consentirebbe l'armonizzazione con gli altri vettori esistenti, anche realizzando interventi meno complessi di quelli previsti da FCE nel medio termine.


Va detto che quest'ultima, attraverso l'ing. Fiore, aveva presentato il suo piano per l'ammodernamento dell'intera linea, che prevede, oltre al prolungamento della metropolitana da Nesima (attuale terminal) fino a Paternò, il suo prolungamento a binario unico ed a scartamento ordinario, con elettrificazione, fino ad Adrano e da qui fino a Randazzo. L'intervento proseguirà in una fase successiva fino a Riposto; da qui i treni, che avrebbero scartamento ed alimentazione compatibile con la linea RFI, raggiungerebbero Catania attraverso la linea ionica, chiudendo il cerchio attorno al vulcano. Presto ulteriori approfondimenti. Si prevederebbe la frequenza di un treno ogni cinque minuti dall'aeroporto a Paternò e di uno ogni 15' da qui ad Adrano.


Abbiamo sintetizzato la giornata in questo filmato che vi invitiamo a seguire con attenzione, abbellito da splendide immagini di Randazzo e dell'area attraversata dalla ferrovia Circumetnea.


Buona visione!





0 visualizzazioni
  • Google+ Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Palermo in Progress
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now