GRANDE RISALTO DELLA PETIZIONE LANCIATA DA “IN PROGRESS” SU CHANGE.ORG: 180 FIRME IN 3 GIORNI!

Un successo inaspettato per la petizione che chiede l’apertura al pubblico della stazione di Palermo Maredolce, sul Passante ferroviario del capoluogo siciliano.

La petizione, lanciata appena una settimana fa, in questo momento conta già 180 firme. Se non avete firmato, FATELO SUBITO! Contribuirete a migliorare la mobilità della nostra città, che sarà più efficiente e sostenibile.

Oggi ne parlano due articoli sulla stampa on line locale, su Balarm e Palermotoday.

Ma ne ha parlato anche la RAI, intervistando il nostro amministratore, ing. Roberto Di Maria, che è intervenuto sul TG Regionale alle 19:30.

Ecco le motivazioni dell’iniziativa:

La mia personale esperienza come residente a Palermo mi ha fatto capire quanto sia importante avere un trasporto pubblico sostenibile e accessibile. Purtroppo, il quartiere di Brancaccio e una vasta area residenziale sono al momento tagliate fuori dal servizio metropolitano del Passante ferroviario. Questo significa che i residenti hanno meno opzioni di trasporto, creando difficoltà nell’accesso al lavoro, alla scuola e ad altri servizi vitali.

Aprire la stazione di Palermo Maredolce avrà un impatto significativo su queste aree, fornendo maggiori opportunità di mobilità per i residenti. Questa stazione sarebbe anche un passo avanti nel rilancio del trasporto pubblico sostenibile a Palermo.

Sappiamo che il trasporto pubblico è vitale per la salute delle nostre città. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, un buon sistema di trasporto pubblico può contribuire a ridurre l’inquinamento atmosferico, migliorando così la salute pubblica. Inoltre, può contribuire a ridurre la congestione del traffico, rendendo le nostre città più vivibili.

Chiediamo quindi che la stazione di Palermo Maredolce venga aperta al pubblico. Questa piccola ma importante azione può fare una grande differenza per la vita di molti cittadini di Palermo. Firmate questa petizione per sostenere il nostro appello per un trasporto pubblico più accessibile e sostenibile.