Trasportata e trasferita su chiatta per Impresa Pizzarotti una TBM scomposta in 12 pezzi da 125 tonnellate ciascuno

Soddisfazione della società di costruzioni Impresa Pizzarotti e dell’azienda S.I.M.I. Trasporti per lo sbarco nel porto turistico di Giardini Naxos, in Sicilia, di una spedizione project cargo indispensabile per lo scavo della nuova galleria “Taormina” pari a circa 6.200 metri. Quella di Taormina è la seconda delle quattro TBM che arriveranno sui lotti del raddoppio ferroviario Messina – Catania. Le restanti due arriveranno nei prossimi mesi.

I 12 pezzi da 125 tonnellate sono stati caricati sulla chiatta nel porto di Augusta e consegnati a Giardini Naxos via mare e scaricati dalla chiatta in un solo giorno. Il trasporto è avvenuto nella notte tra il 9 e il 10 gennaio.

Pizzarotti in una nota ha fatto sapere che “si è concluso il trasferimento dal porto di Augusta al porto di Giardini Naxos, mediante shallow-draft barge, della TBM (tunnel boring machine, ndr) che scaverà le canne gemelle della galleria Taormina di lunghezza pari a circa 6.200 metri. Il trasporto presso il cantiere operativo – aggiunge Impresa Pizzarotti – sarà effettuato a partire dalla giornata nelle ore notturne tramite carrelli speciali che prevedono la chiusura della viabilità esistente e l’interdizione alla sosta lungo le arterie interessate”.

Anche S.I.M.I. Trasporti, partner logistico incaricato di questa spedizione, ha dato pubblicamente notizia dell’avvenuto trasferimento di questo project cargo parlando di esprimendo grande orgoglio per il traguardo raggiunto: “Dopo alcune valutazioni e studi con le autorità siciliane, abbiamo ricevuto per la prima volta nella storia il via libera per l’attracco di una chiatta standard alla banchina turistica di Giardini Naxos. Questa soluzione, dopo molte simulazioni, era stata considerata l’unica praticabile per consegnare la Tbm al cantiere” .

S.I.M.I. Trasporti, per quanto riguarda il trasporto su strada, avvenuto a partire da giovedì 11 gennaio nelle ore notturne ha precisato che:  “useremo il nostro SPMT Cometto per uscire dal centro della città a causa della strada molto sottile, una volta superato quel punto faremo un trasbordo su rimorchio modulare a 12 assi per coprire l’ultima parte del percorso”.

fonte: https://www.shippingitaly.it/