RFI, FIRMATO IL PROTOCOLLO DI LEGALITA’ PER LA REALIZZAZIONE DEL NODO DI CATANIA

Tra Prefettura di Catania, Rete Ferroviaria Italiana, Commissario Straordinario e Organizzazioni sindacali di categoria per prevenire e contrastare le infiltrazioni criminali

Firmato il Protocollo di Legalità tra la Prefettura di Catania, Rete Ferroviaria Italiana (società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS Italiane), Commissario Straordinario e le Organizzazioni sindacali di categoria per la realizzazione del Nodo di Catania, con lo scopo di prevenire e contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata in materia di appalti, servizi e forniture pubbliche.

Gli interventi tutelati dal Protocollo includono l’interramento della stazione di Catania Centrale, la realizzazione del raddoppio sul nuovo tracciato fra le stazioni di Catania Centrale e Catania Acquicella e l’interramento della linea per il prolungamento della pista dell’aeroporto Fontanarossa.

Il Protocollo di Legalità prevede la collaborazione tra la Prefettura e RFI per vigilare sul pieno rispetto della legalità nei contratti pubblici, sviluppando, in aggiunta agli standard richiesti dalla normativa, ulteriori forme di controllo, scambio di informazioni e procedure che ne garantiscano la trasparenza. Quanto previsto nel Protocollo riguarderà tutta la filiera delle imprese affidatarie dei lavori che a qualunque titolo saranno impegnate nella realizzazione delle opere.

L’attività rientra fra le iniziative intraprese dal Gruppo FS Italiane, con il coordinamento di FS Security & Risk, per tutelare la realizzazione di opere e la prestazione di servizi di interesse pubblico da ogni tentativo di infiltrazione da parte della criminalità organizzata.

L’intervento complessivo è parte integrante del nuovo collegamento ferroviario Palermo – Catania – Messina. Per il completamento dell’opera è stato nominato come Commissario Straordinario di Governo l’Ingegner Filippo Palazzo.