I test del primo treno interurbano a batteria del Regno Unito sono iniziati. La batteria, che genera una potenza di picco di oltre 700 kW, è stata ora adattata con successo su un treno TransPennine Express “Nova 1” (intercity a cinque carrozze Classe 802), in vista della sperimentazione sulle rotte Transpennine quest’estate.

Si tratta del primo esperimento nel Regno Unito in cui un motore diesel viene sostituito con una batteria su un treno interurbano. La sperimentazione è una collaborazione tra TransPennine Express, Angel Trains e Hitachi Rail.

La singola unità batteria è incredibilmente potente e immagazzina elettricità sufficiente ad alimentare più di 75 case per un giorno. Questa impressionante densità di energia e potenza fornirà gli stessi livelli di accelerazione e prestazioni ad alta velocità, pur non essendo più pesante del motore diesel che sostituisce.

L’installazione di una batteria ridurrà le emissioni e migliorerà l’efficienza energetica. Si prevede che ridurrà le emissioni e i costi del carburante fino al 30% su un treno interurbano Hitachi.

Soprattutto per i passeggeri, la sperimentazione metterà alla prova il modo in cui i treni interurbani possono entrare, scendere e lasciare le stazioni non elettrificate in modalità batteria a emissioni zero per migliorare la qualità dell’aria e ridurre l’inquinamento acustico. La batteria è stata prodotta con Turntide Technologies a Sunderland, utilizzando il settore delle batterie che si è sviluppato nel nord-est dell’Inghilterra.

La sperimentazione fornirà prove concrete a supporto del business case per un treno intercity elettrico al 100% a batteria, in grado di percorrere fino a 100 km in modalità batteria. Questa notevole autonomia significa che questa tecnologia delle batterie potrebbe essere implementata per coprire le sezioni finali non elettrificate delle rotte interurbane nei prossimi anni. Dimostrerà inoltre come la tecnologia delle batterie può ridurre i costi infrastrutturali riducendo la necessità di cavi aerei nelle sezioni del tunnel e su incroci complessi.

Angel Trains, proprietaria delle unità Classe 802, ritiene estremamente importante questo investimento nel prodotto Hitachi Rail, con vantaggi che si estendono al Nord-Est e al settore ferroviario in generale. Questo tipo di investimenti del settore privato in tecnologie all’avanguardia è fondamentale per il successo delle ferrovie del Regno Unito. La sperimentazione e l’opportunità industriale offerta dai treni a batteria significano che il trasporto ferroviario può contribuire alla crescita.

Paul Staples, Direttore Ingegneria, Sicurezza e Sostenibilità di TransPennine Express, ha dichiarato: “Siamo davvero lieti di far parte di questa sperimentazione innovativa e di fondamentale importanza della tecnologia delle batterie. Prendiamo sul serio le nostre responsabilità ambientali e siamo costantemente alla ricerca di modi per rendere i viaggi in treno ancora più sostenibili ed efficienti. Questa prova ci consentirà di valutare la nuova entusiasmante tecnologia sul nostro treno Nova 1; non vediamo l’ora di vedere i risultati e il funzionamento delle batterie sulla nostra rete”.

Matthew Prosser, Direttore Asset Management di Angel Trains, ha dichiarato: “Questo progetto rappresenta un investimento significativo in una delle nostre flotte più recenti. Sosterrà e attingerà ai posti di lavoro qualificati e alle competenze presso lo stabilimento Hitachi di Newton Aycliffe e ci consentirà di dimostrare come la tecnologia di retrofit delle batterie può aiutarci a decarbonizzare le nostre ferrovie”.

Jim Brewin, Direttore generale per Regno Unito e Irlanda presso Hitachi Rail, ha dichiarato: “Hitachi ha investito più di 15 milioni di sterline in ricerca e sviluppo per fornire una “prima nel Regno Unito” nella tecnologia dei treni a batteria. Collaborando a stretto contatto con i nostri partner, Angel Trains e TransPennine Express, ci impegniamo a mostrare come il settore ferroviario può ridurre significativamente costi ed emissioni. Questo è un importante passo avanti verso una ferrovia più efficiente dal punto di vista energetico e più verde”.

Lo sviluppo della batteria è un eccellente esempio di alleanza ingegneristica tra Giappone e Regno Unito, con Hitachi Rail che ha investito più di 15 milioni di sterline per co-sviluppare il sistema di batterie con Turntide Technologies nel nord-est. Una volta assemblato, il pacco batterie è stato spedito dal Regno Unito al Giappone, dove è stato sottoposto a test approfonditi da parte degli esperti di treni a batteria Hitachi che in precedenza avevano consegnato il primo treno a batterie passeggeri al mondo nel 2016.

Il positivo completamento dei test in Giappone ha aperto la strada alla collaborazione del settore ferroviario del Regno Unito, con Angel Trains, TransPennine Express e Hitachi Rail che uniscono le forze per aiutare a decarbonizzare e modernizzare le ferrovie.

Mark Cox, direttore generale della business unit trasporti di Turntide Technologies, ha dichiarato: “Siamo incredibilmente orgogliosi di far parte di questo progetto innovativo, co-sviluppando una delle batterie per treni passeggeri più potenti al mondo con i nostri stimati partner Hitachi Rail. Il successo dello sviluppo e della produzione di questa batteria ad alte prestazioni presso il nostro stabilimento di Sunderland evidenzia ulteriormente il ruolo chiave che svolgiamo nel panorama industriale del Regno Unito. Riteniamo che questa tecnologia pulita rivoluzionerà il settore ferroviario, non solo nel Regno Unito ma in tutto il mondo”.

Questo importante progetto si avvale dell’esperienza globale di Hitachi che comprende la consegna del primo treno passeggeri a batteria al mondo in Giappone e l’introduzione del Masaccio, il primo treno ibrido a batteria d’Europa in Italia nel 2022. L’evoluzione della tecnologia continua di pari passo con Hitachi Rail che ha recentemente svelato il suo nuova versione intercity del treno e con l’obiettivo di lanciare un EuroMasaccio in altri mercati europei, inclusa la Germania, a partire dal 2026.

Lo sviluppo di questa batteria rappresenta un passo importante per l’industria ferroviaria sia in patria che all’estero. Hitachi Rail ha l’ambizione di installare questa batteria sui treni di tutto il mondo, creando potenzialmente un’esportazione del Regno Unito e migliorando l’efficienza energetica.

Ci sono migliaia di treni che circolano in tutto il mondo alimentati da motori diesel, che dovranno essere decarbonizzati per raggiungere gli obiettivi di zero emissioni nette. In Italia il Masaccio ha tagliato istantaneamente le emissioni di CO2 del 50% rispetto ai treni diesel che ha sostituito. La possibilità di sostituire i motori diesel con una batteria potente e di sbloccare un’elettrificazione parziale più economica può creare un percorso a basso costo per decarbonizzare le ferrovie in tutto il mondo.

Fonte: globalrailwayreview.com