CON LA DEFINIZIONE DEL COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO PROSEGUE L’ITER PER LA REALIZZAZIONE DEL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA

Si attendeva soltanto l’assenso della Regione Siciliana e della Regione Calabria, che è arrivato espresso ieri, sulla rosa di nomi inviata dagli uffici del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Il MIT ha reso quindi noto che è «pronta la squadra tecnica» che compone l’organismo indipendente cui sono demandati compiti di supporto e consulenza per il progetto del collegamento stabile tra la Sicilia e la Calabria: il Comitato Tecnico-Scientifico.

Il Ministero ha spiegato che ne faranno parte Alberto Prestininzi (Coordinatore), ordinario di Ingegneria della Terra presso l’Università di Roma «La Sapienza», con specializzazione in geologia; Claudio Borri, ordinario di Scienze delle costruzioni presso il Dipartimento di ingegneria civile e ambientale dell’Università di Firenze, con specializzazione in strutture e aerodinamica, Direttore del «Centro Interuniversitario di Aerodinamica delle Costruzioni e Ingegneria del Vento»; Andreas Taras, ordinario di costruzioni in acciaio e strutture composite presso l’Eth di Zurigo; Sara Muggiasca, professore associato del Dipartimento di Ingegneria Meccanica del Polimi, direttrice della Galleria del Vento; Mauro Dolce, professore ordinario di Tecnica delle costruzioni presso l’Università «Federico II» di Napoli, esperto in rischio sismico e vulcanico; Francesco Karrer, professore ordinario di Urbanistica presso La Sapienza Università di Roma (in quiescenza); Giuseppe Muscolino, ordinario di Scienza delle Costruzioni presso l’Università di Messina; Paolo Fuschi, ordinario di Meccanica delle Strutture presso l’Università di Reggio Calabria e di Alessio Ferrari, professore ordinario di Ingegneria Geotecnica presso l’Università degli Studi di Palermo.

L’organismo va a supportare la squadra che sta già lavorando all’aggiornamento del progetto definitivo, approvato nel 2011. Già da alcune settimane Webuild, principale componente di Eurolink, il consorzio internazionale di imprese che si è aggiudicata la realizzazione dell’opera nel lontano 2006, sta procedendo all’aggiornamento dei prezzi, per pervenire all’ammontare complessivo delle opere.

Le quali, come abbiamo spiegato nel nostro tutorial video, comprendono sia l’attraversamento vero e proprio, ovvero il ponte sospeso a campata unica in cui passeranno le carreggiate autostradali e la ferrovia a doppio binari, che le opere di collegamento sui due versanti dello Stretto.